Pasta con le lenticchie di Linosa

Una buona cucina non può prescindere da un’ accurata scelta degli alimenti che è bene scegliere tra i prodotti locali (a chilometro zero) e nella giusta stagione di produzione o di pesca, a garanzia della freschezza, genuinità e sapidità degli alimenti. Per la pasta con le lenticchine di Linosa vengono usate le lenticchie di Linosa. Olio extravergine d’ oliva. Sparaceddi (Broccoli). Patate. Sedano. Carote. Le lenticchine di Linosa non hanno bisogno di essere messa a…

La pasta e ammogghiu

La pasta e ammogghiu (o ammoglio, che dir si voglia) La pasta viene condita con pomodoro fresco aromatizzato con le tipiche spezie mediterranee e che può essere arricchito con olive, sardine e tonno. La ricetta originale prevede l’utilizzo di 2 pomodori freschi a testa sbollentati per 2 minuti in acqua, in modo da poter togliere senza fatica la buccia, e lavorati con una forchetta finchè non si ottiene la consistenza desiderata. Il tutto viene poi…

Ravioli amari di Pantelleria

Li chiamano ravioli amari per distinguerli da quelli dolci (ripieni di ricotta, zucchero e cannella). I ravioli amari sono la tipica pasta fresca dell’isola. I ravioli amari della tradizione pantesca, sono a mezzaluna, di grano duro, farciti di ricotta di vacca, uova, caciocavallo e foglioline di menta. A Pantelleria i Ravioli amari erano tradizionalmente conditi con un ragù di coniglio selvatico, o in alternativa con una semplice salsa di pomodoro fresco, aglio e basilico, e…

Couscous di Pantelleria alla norma

Pantelleria, nota come isola del vento ma anche perla nera del Mediterraneo, oltre allo splendido mare e alla natura incontaminata, vanta un patrimonio enogastronomico di tutto rispetto che solo di recente sta emergendo in tutta la sua vasta complessità. La cucina e la gastronomia pantesca sono l’originale risultato della commistione di piatti e pietanze provenienti dalle influenze culturali dei vari popoli che hanno dominato, abitato e trafficato sull’isola e che lentamente nei secoli hanno saputo…

Pasta a Taianu

Il piatto tipico della tradizione cefaludese porta il nome di Pasta a taianu. Si cucina il 6 agosto, festa del Salvatore a Cefalù. Il piatto risale agli arabi. Il «taianu», infatti, in arabo è il «taio» ed è un recipiente di terracotta che viene usato per la cottura della pasta. La caratteristica di questa ricetta sta nella sua preparazione. La pasta, infatti, viene stratificata e alternata a ripieni di carne cotta nel pomodoro e sfilacciata…

Favignana e il cous cous

Uno dei piatti più famosi di Favignana è il Cous Cous alla Favignanese. Si mette in una terrina, chiamata marafadda, mezzo chilo di semola di grano duro, un po’ alla volta, e dell’acqua salata (solo vagamente spruzzata con le dita). Manipolate l’impasto in modo da ricavarne delle palline molto piccole e lasciatele asciugare per circa 3 ore su una tovaglia. Procedete con cottura al vapore su un tegame apposito chiamato Couscousiera e ricoprite il tutto…

La busiata con il tonno

La Busiata è il formato di pasta tipico della zona di Trapani. Le origini  della busiata risalgono a prima dell’anno mille. Da alcuni manoscritti arabi risalenti al X e XI secolo, si è scoperto che le paste bucate erano già presenti in quel periodo. Essa prende il nome dal termine buso, un ferro da maglia usato nel trapanese per lavorare lana e cotone. Secondo altri il nome deriva dal buso, il fusto della “Disa” (Ampelodesmos…

La pasta di Castell’Arquato

Gli  anolini ripieni di pangrattato, grana stravecchio, uova e noce moscata, oggi vengono cotti nel brodo di carne di vitello, mentre una volta veniva impiegato il salame. Tipici della zona di Castell’Arquato, gli anolini si trovano anche a Carpaneto, Caorso e nelle zone limitrofe. Ci sono molte varianti oggi di questo piatto: una consiste nel fatto di usare il sugo dello stracotto per bagnare il pan grattato e condire poi gli anolini con lo stesso…

Il borgo di bobbio

I maccheroni di Bobbio Piatto tipico della tradizione del borgo di Bobbio e della media Val Trebbia, i maccheroni alla bobbiese hanno la particolarità di essere ricavati arrotolando delle strisce di pasta attorno ad un ferro da maglia (o un grosso ago da calza o da uncinetto) che verrà rimosso appena formato il maccherone. Questo piatto tradizionale lega il lavoro in casa delle donne con la passione per la cucina. Il condimento per questi maccheroni…

Gli gnocchi di Compiano

Il piatto tipico di Compiano sono gli gnocchi di castagna e ricotta. Si tratta di una ricetta antica dove il prodotto principale si ricava dalle castagne raccolte nei castagneti  dell’Appennino parmense. Compiano è un comune italiano di 1 077 abitanti della provincia di Parma. Piccolo borgo completamente circondato da mura, strettamente legato al suo castello, facente parte del cosiddetto Stato Landi e sede di zecca. È inserito nel circuito de i borghi più belli d’Italia….

La minestra di ceci con l’olio di Rajo

E’ un piatto tipico della cucina umbra adatto ad essere accompagnato dai prodotti tipici di stagione come il vino novello e soprattutto l’olio extra vergine di oliva, biologico o DOP Umbria dei Colli Amerini. La particolarità di questa ricetta, peraltro simile a molte altre, è dato dall’uso, negli ingredienti dell’olio Rajo. L’olio Rajo è il tipico olio di Amelia, che si chiama così perché proviene dalle piante amerine Rajo. La preparazione non è diversa dalle…

Sagne con i fagioli – la pasta di borgo Incile

Borgo Incile la festa delle sagne con i fagioli. Borgo Incile, frazione di Avezzano, è situata ai bordi dell’altopiano del Fucino in cui insiste il monumentale Incile del Fucino, non distante dall’opera idraulica di epoca romana dei Cunicoli di Claudio. Per sagne si intende un formato di pasta tipico della cucina di una vasta area della Ciociaria, dell’Abruzzo, del Molise, della Valle Latina e di altre zone montane del Lazio, nonché del Salento leccese. L’Abruzzo…

Il mattarello magico

Il nome deriva dal particolare matterello dentellato che si usa per preparare il formato di pasta. Condita con sugo misto di carne, il rintrocilo è una pasta di farina, acqua e sale. E’ tipica della città di Lanciano, dell’area frentana e dell‘Alto Sangro. La sua realizzazione, infatti, è particolarmente legata al periodo della transumanza, fatto da cui deriva la diffusione proprio in quei territori maggiormente interessati dal passaggio degli armenti, lungo il Tratturo Magno. Può…

I sapori del mare: la cucina eoliana

La pasta ‘ncaciata, detta anche ‘ncasciata, è un piatto presente in quasi tutto il territorio del messinese compreso l’arcipelago delle Eolie. Si tratta di una ricetta dai sapori antichi. La preparazione richiede poco tempo. Si fanno stufare in tegame cipolla e cavolfiore, con un po di vino rosso e un pugnetto di uva passa, lasciando cuocere lentamente. Si condisce la pasta (corta) aggiungendo abbondante formaggio e una spolverata di mollica abbrustolita, infine si mette in forno.

Non si butta niente

I maltagliati con i ceci di Camerino rappresentano uno dei primi piatti più poveri della nostra tradizione culinaria contadina. Quando le donne di casa, armate di mattarello, preparavano le tagliatelle, quella parte di sfoglia che avanzava poiché non permetteva di ricavarne delle tagliatelle, (generalmente i bordi), veniva tagliata in modo irregolare tanto da ricavarne pezzetti di pasta del tutto disomogenei (i maltagliati). Trattandosi per lo più delle aree perimetrali della sfoglia, anche lo spessore era disomogeneo….