Cavatelli al sugo di Pezzente e Rafano

I cavatelli sono una pasta fatta a mano con semola di grano duro, acqua e sale, impastata a lungo e alla quale si da con le dita una forma scavata, che le permette di trattenere bene il sugo del condimento.  Nella ricetta di Cirigliano i Cavatelli sono conditi con il “pezzente” ed il rafano. Conosciuta come salsiccia dei poveri, la pezzente o pezzenta è una salsiccia fatta con i tagli meno nobili della carne di…

Un antico pane

La pagnotta, con la classica forma a cornetto, anticamente preparata nei Sassi e portata a cuocere al forno pubblico, racchiude in sé tutte le caratteristiche del territorio lucano. Per le sue qualità è diventato prodotto IGP. Il pane di Matera è il pane ottenuto mediante un antico sistema di lavorazioneutilizzato dai panificatori dell’area di Matera che prevede l’utilizzo esclusivo di semola di grano duro. Storia Il pane di Matera, ha una lunghissima tradizione risalente al…

Un ricetta antichissima

Ci troviamo a Sasso di Castalda 861 abitanti,  in provincia di Potenza, capoluogo della Basilicata, nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano della Val D’Agri e Lagonegrese. Un borgo fatto di ripide scalette in pietra e tanti vicoli stretti che si diramano tra le caratteristiche casette, le quali sembrano prender vita al passaggio dei visitatori. Piatti Tipici Il piatto tipico, presente solo a Sasso di Castalda, e che quindi racchiude tutta l’arte culinaria di questo bel Paese,…

La pasta di Teana

L’origine di Teana – 595 abitanti – si perde nell’antichità: alcuni studiosi hanno ventilato l’ipotesi che questo borgo, edificato da coloni greci, fosse la sede estiva della scuola religioso-filosofica di Pitagora (580-504 a.C.); il nome di Teana sarebbe una deformazione del nome di sua moglie Tegona. In verità, nel corso del tempo, il paese ha avuto varie denominazioni di origine greco-latina (Tugane, Touganon, Tygana, Tihanum, Teana, Latigana, La thaiana, Lateana) ed ancor oggi dagli abitanti…

La cucina povera di San Paolo Albanese

La caratteristica più importante di San Paolo Albanese – 260 abitanti – è desumibile già dal suo nome. Questo piccolo comune della Basilicata fu fondato da comunità di arbëreshë, gli albanesi arrivati in Italia, a partire dal XV secolo, per sfuggire all’invasione turca. A San Paolo si conserva ancora l’uso della lingua albanese e della liturgia religiosa bizantina. La festa di San Rocco, il 16 agosto, è l’occasione in cui vengono tramandate le antiche tradizioni…

Baccalà a Ciauredda

Un  prodotto molto usato e apprezzato della cucina lucana è il baccalà. Viene  cucinato in molti modi. Uno dei piatti tipici della Basilicata che vede come portgosnista questo alimento  è il  “baccalà a ciuredda”.  Si tratta di baccalà semplicemente stufato con pomodori e cipolle, il risultato è un piatto molto succulento. Da provare se si passa da Cirigliano. Preparazione Lasciate il baccalà in ammollo per almeno 3 giorni cambiando spesso l’acqua. Fate un soffritto con…