Gustandum le ricette antiche dei borghi italiani

Un ricetta antichissima

Ci troviamo a Sasso di Castalda 861 abitanti,  in provincia di Potenza, capoluogo della Basilicata, nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano della Val D’Agri e Lagonegrese. Un borgo fatto di ripide scalette in pietra e tanti vicoli stretti che si diramano tra le caratteristiche casette, le quali sembrano prender vita al ...
Leggi

La pasta di Teana

L'origine di Teana - 595 abitanti - si perde nell'antichità: alcuni studiosi hanno ventilato l'ipotesi che questo borgo, edificato da coloni greci, fosse la sede estiva della scuola religioso-filosofica di Pitagora (580-504 a.C.); il nome di Teana sarebbe una deformazione del nome di sua moglie Tegona. In verità, nel corso ...
Leggi

La cucina povera di San Paolo Albanese

La caratteristica più importante di San Paolo Albanese - 260 abitanti - è desumibile già dal suo nome. Questo piccolo comune della Basilicata fu fondato da comunità di arbëreshë, gli albanesi arrivati in Italia, a partire dal XV secolo, per sfuggire all’invasione turca. A San Paolo si conserva ancora l’uso ...
Leggi

Baccalà a Ciauredda

Un  prodotto molto usato e apprezzato della cucina lucana è il baccalà. Viene  cucinato in molti modi. Uno dei piatti tipici della Basilicata che vede come portgosnista questo alimento  è il  “baccalà a ciuredda”.  Si tratta di baccalà semplicemente stufato con pomodori e cipolle, il risultato è un piatto molto ...
Leggi

I prodotti tipici di Affile

Si tratta di dolci preparati con albume d’uovo, zucchero, farina e anice. Disposti su una teglia, si cuociono in forno a legna. Hanno forma tonda e piatta e colore bianco. Le tisichelle sono dolci tipici delle festività natalizie e dalle testimonianze orali raccolte, risultano presenti sul territorio dell’intera provincia di ...
Leggi

La pasta con le castagne

Tipico primo piatto di magro della Vigilia di Natale, nato nell'epoca rinascimentale ma ancora preparato soprattutto nei paesi di montagna della Vallata del Santerno. Preparazione Impastate la farina di grano tenero con uova e acqua. Tirate una sfoglia sottile e tagliate dei quadrati di circa 5 cm di lato o ...
Leggi

Le ricette antiche di Castel del Rio

Marroni e castagne erano fonte di sostentamento, ma anche di ricchezza. L'economia di Castel del Rio continua a ruotare intorno al castagno: nel 1885 i castagneti ricoprivano il 40% del terreno coltivato nel Comune. Oggi i marroni rappresentano una specialità culinaria, che abbina l'ottima qualità del prodotto al piacere di ...
Leggi

Le antiche ricette di Mattie

Un chilo di castagne, un litro-un litro e mezzo di latte, riso. Privare le castagne secche della scoria esterna, ammollarle in acqua bollente per togliere la seconda pellicina raschiandole con un coltello. Farle cuocere in acqua e quando sono quasi cotte salare l'acqua e aggiungere il riso. Quando il riso ...
Leggi

Formaggi dal piemonte

Il Blu del Moncenisio viene prodotto con latte di vacca o mescolando il latte vaccino con piccole dosi di latte caprino. Si usa il latte di due mungiture successive di cui la prima parzialmente scremata per affioramento. Il formaggio presenta alcune caratteritische. Si tratta di un formaggio a pasta morbida, ...
Leggi

Inviaci le tue ricette

Gustandum

le tradizioni culinarie dei borghi italiani