Tuscania:la coratella – I sapori antichi da non dimenticare

La coratella è un piatto tipico delle regioni dell’Italia centrale, in particolar modo del Lazio. Il termine coratella indica le viscere di animali di piccola taglia come il coniglio o l’agnello: polmoni, intestini, fegato, cuore, ma spesso vengono usate anche i reni, la milza e le animelle.
La tradizione gastronomica della cucina povera, in particolare quella romana, vede questo piatto protagonista delle feste pasquali.

Preparazione

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Scottare per qualche minuto la coratella. E tagliare in piccoli pezzi. Rosalare la coratella in un padella con un po d’olio e vino bianco. Una volta che il vino è evaporato aggiungi la cipolla sale e pepe. Cuocere a fuoco dolce per quaranta minuti circa, aggiungendo un po’ di acqua calda per non farla asciugare troppo, senza mai coprire con il coperchio. Mescolare spesso per evitare che la cipolla si bruci.

Ingredienti

  • 1 coratella di agnello (cuore, fegato polmone)
  • 1 o 2 cipolle dorate
  • 1 bicchiere di vino bianco secco.
  • sale, olio extravergine di oliva, pepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *