Zuppa: pane, pomodoro e jazz

Zuppa berchiddese

La Zuppa berchiddese, chiamata anche suppa cuata, cioè zuppa nascosta, è una pietanza tipica delle sagre e in particolare delle feste religiose primaverili ed estive che si celebrano sul sagrato delle chiese campestri seicenteschi intorno a Berchidda e per i matrimoni. Di recente accompagna i pranzi dei cultori del jazz che si incontrato al festival time in jazz. La zuppa berchiddese viene preparata con carne di pecora, pomodoro e aromi quali basilico, prezzemolo e aglio, “pane ladu”, una sorta di grossa focaccia, più alto e grosso di una focaccia; pecorino fresco a cubetti e pecorino stagionato grattugiato, salato

Preparazione

Bollire la carne a pezzetti e  schiumare bene. Far cuocere per almeno due o tre ore.
Aggiungere cipolla, pomodori, un pochino di concentrato, sedano, carota, prezzemolo, basilico e sale.

Mentre si fa lessare la carne in una altra pentola preparare un sugo di pomodoro con le parti migliori della carne di pecora e arricchirlo con aromi, cipolla, aglio prezzemolo, basilico e olio di oliva. Grattugiare il pecorino stagionato e preparare un intingolo a base di formaggio fresco tagliato a cubetti con un abbondante trito di prezzemolo fresco.

Nel frattempo tagliare a tocchetti non troppo piccoli il pane ladu, fatto apposta nel forno per sa suppa, una sorta di carta da musica un pochino più spessa e a cottura ultimata colare il brodo (un mestolo abbondante a persona).
Dentro i recipienti di rame si prepara la pietanza a strati. Prima  mettere un mestolo di brodo e aggiungene uno di sugo poi aggiungere il pane precedentemente sminuzzato e disporre sopra i due tipi di formaggi. Continuare preparando altri strati.

Due parole su…..

Berchidda è un comune italiano di 2. 749 abitanti della provincia di Sassari. Il paese, per posizione, linguaggio e cultura fa parte della subregione storica del Monte Acuto, sebbene il territorio comunale comprenda, per ampi tratti, terreni della Gallura (la zona montuosa del Limbara a Nord e Nord-Est del centro abitato).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *