17 Febbraio, 2019 wppanibus

Il sugo alla mondolfese: tonno e alici

Questo peculiare condimento, la cui origine si perde nella notte dei tempi, abbina la duplice vocazione di questo comune abitato da gente di terra e di mare, dove i mondolfesi hanno tramandato un sugo rosso, utilizzato quale condimento per la pasta – gli spaghetti – fondendo pomodori, conserva, tonno e alici.

Gli spaghetti al sugo rosso di tonno e alici sono l’interpretazione locale del piatto tipico italiano.

Preparazione

Prendete una padella e mettete un filo di olio, aggiungete il tonno, il sale e il prezzemolo tritato soffriggete e mescolate. Unite le acciughe e mescolate benissimo.
Aggiungete i pomodori pelati.Schiacciateli con la forchetta e lasciate cuocere per venti minuti. Condite la pasta con il sugo.

Ingredienti

  • 400 g di spaghetti;
  • 200 g d’acciughe fresche, spinate;
  • 200 g tonno;
  • 300 g di pomodori pelati;
  • 2 Spicchi d’aglio;
  • peperoncino piccante;
  • 4 Foglie di basilico
    un Ciuffo di prezzemolo tritato;
  • mezzo Bicchiere d’olio extravergine di oliva
    sale.

Il paese

Mondolfo (Mondòlf in dialetto gallo-piceno) è un comune italiano di 14 351 abitanti situato nella provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche. Il comune di Mondolfo rientra tra i Borghi più belli d’Italia.
Il cuore dell’antico castello di Mondolfo è la grande piazza centrale dominata dalla Residenza municipale costruita con la torre civica in stile neogotico nel 1931, con mattoni recuperati dall’antica sede comunale distrutta dal terremoto dello stesso anno. Si tratta di un grande corpo di fabbrica in muratura faccia a vista, da cui si diramano a raggiera vicoli e scalinate nelle diverse direzioni.

Accanto, la parrocchiale di Santa Giustina, già attestata nel 1290, fu ristrutturata ed eletta a Collegiata da Papa Urbano VIII nel 1635. Un successivo intervento fu realizzato nel 1739. L’interno a navata unica è tardo barocco. Nell’elegante cantoria posta sopra l’ingresso principale, c’è un organo del 1776 di Gaetano Callido, il massimo esponente della scuola.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *