La cucina povera di San Paolo Albanese

Acquasale

La caratteristica più importante di San Paolo Albanese – 260 abitanti – è desumibile già dal suo nome. Questo piccolo comune della Basilicata fu fondato da comunità di arbëreshë, gli albanesi arrivati in Italia, a partire dal XV secolo, per sfuggire all’invasione turca.

A San Paolo si conserva ancora l’uso della lingua albanese e della liturgia religiosa bizantina. La festa di San Rocco, il 16 agosto, è l’occasione in cui vengono tramandate le antiche tradizioni e sfoggiati i costumi tipici, che un tempo erano tessuti con il filo ricavato dalle piante di ginestra.

Un piatto antico del posto è l’acquasale molto diffuso anche nella regione confinante: la Puglia.

Preparazione

Si tratta di una ricetta molto semplice. Dopo aver preso una fetta di pane raffermo, soffriggere una cipolla con un trito di aglio e prezzemolo, Aggiungere pomodori pelati spaccati in due e acqua bollente. Quando riprende il bollore, versare il tutto direttamente sul pane raffermo e servire caldo.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Due parole su….

San Paolo Albanese, dal 18 marzo del 1861 chiamato “Casalnuovo”, dal 27 maggio del 1863 ” San Paolo Albanese” e dal 1936 al 1962 Casalnuovo Lucano) è un comune italiano di 253 abitanti della provincia di Potenza, in Basilicata.

E’ il comune più piccolo della Basilicata con una superficie di 29,9 km². Nato da coloni albanesi nel XVI secolo, per scampare alla dominazione turca in Albania, difende il patrimonio linguistico d’appartenenza, l’arbëreshë, e quello religioso, il rito bizantino, degli antenati.

La fondazione di San Paolo Albanese risale al 1534 circa, ad opera di profughi arbëreshë provenienti dall’Albania e dalla Morea della zona abitata da popolazioni albanesi, occupate dai turchi ottomani. L’iniziale insediamento urbano si completò definitivamente nel XVIII secolo, aggiungendo alle tipiche case a schiera, architetture che rimandano probabilmente agli antichi centri della Morea albanese.

L’altitudine elevata offre panorami (pamjet) unici della regione, sovrastando la vallata del fiume Sarmento e i paesi vicini (gjitonië); si ha perciò una visuale ampia arricchita da folti boschi, come il Bosco Capillo che circonda l’abitato arbëreshë e il Parco nazionale del Pollino. Gli abitanti sono molto legati alla lingua albanese, al rito bizantino, ai costumi, e alle tradizioni (soprattutto nel rituale matrimoniale e funebre).

Da cinque secoli qui si può ascoltare la lingua arbëreshe, l’albanese antico. La divina liturgia, la messa, a San Paolo Albanese è anch’essa in lingua albanese o, a seconda delle festività e del giorno, anche in lingua greca, secondo il rito bizantino mantenuto nell’Eparchia di Lungro della chiesa cattolica.

Valore importante dell’identità della comunità arbereshe è anche il costume tradizionale, ornato da ricami e colori vivissimi. Gli aspetti peculiari della cultura albanese sono custoditi nel Museo della Civiltà Arbereshe/Albanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *